preloader

È proprio la superficie ad attribuire al materiale di base le sue caratteristiche funzionali e ottiche definitive.

Icons/close Created with Sketch.
Zincatura

Zincatura

Zincatura

01

La tecnica

Zincatura galvanica

Lo zinco protegge i metalli più nobili dalla corrosione, pertanto è indispensabile in molti settori. La formazione galvanica dello zinco avviene in una soluzione elettrolitica acida o alcalina. Tramite l’aggiunta di sostanze organiche è possibile configurare il grado di lucidità della superficie, da opaco a lucido.

Al contrario di altri rivestimenti, lo zinco oltre a fungere da schermo protettivo esercita anche un’azione attiva catodica anticorrosione. Nei confronti del più nobile ferro, lo zinco funge da anodo sacrificale. In questo modo il materiale di base, anche in caso di danneggiamento dopo il trattamento (graffi o urti) resta protetto. Per ottenere altre caratteristiche è possibile eseguire ulteriori trattamenti superficiali come la passivazione, la lubrificazione o simili. I sistemi modulari Collinox possono essere personalizzati in base alle esigenze del cliente.

Collini Zink Nickel
02

vantaggio

Vantaggi a colpo d'occhio

03

Dati tecnici

Confronto tra le tecniche
Zinco Zinco-Ferro Zinco-Nichel
Tecnica Formazione galvanica dello zinco in una soluzione elettrolitica acida o alcalina Formazione galvanica dello zinco con una percentuale di ferro dallo 0,1% all’1% nella lega Formazione galvanica dello zinco con una percentuale di nichel dal 12% al 15% nella lega
Colore dello strato Bianco bluastro Grigio argenteo Bianco bluastro
Materiale di base Acciaio debolmente legato, acciaio per molle, acciai temprati, ghisa, metalli non ferrosi Acciaio debolmente legato, acciaio per molle, acciai temprati, ghisa, metalli non ferrosi Acciaio debolmente legato, acciaio per molle, acciai temprati, ghisa, metalli non ferrosi
Resistenza alla corrosione In base al sistema di rivestimento fino a 720 ore NSST senza ruggine rossa, leghe > 720 ore NSST senza ruggine rossa In base al sistema di rivestimento fino a 1000 ore NSST senza ruggine rossa In base al sistema di rivestimento fino a 1200 ore NSST senza ruggine rossa
Durezza In base all’impostazione dei parametri In base all’impostazione dei parametri 450 - 510 HV
Resistenza alle temperature Fino a 120 °C Fino a 120 °C Fino a 180 °C
Tecnologia degli impianti Telaio, rotobarile Telaio, rotobarile Telaio, rotobarile
Conformità RoHS, REACH, 2000/53/CE (veicoli fuori uso) RoHS, REACH, 2000/53/CE (veicoli fuori uso) RoHS, REACH, 2000/53/CE (veicoli fuori uso)
Versione Zinco naturale, passivazione opaca - strato di copertura sigillato naturale, giallo, nero Passivazione argento o nera, sigillato, trattato con lubrificante Passivazione argento metallica, nera, viola bluastra o marrone giallastra sigillato e trattato con lubrificante
Dal nostro reparto Ricerca e Sviluppo Collinox® Collinox® Ductalloy®
Qualità protettive Protezione dalla corrosione, dall’azione di lubrificanti, combustibili e solventi, resistenza termica Protezione dalla corrosione, dall’azione di lubrificanti, combustibili e solventi, resistenza termica Maggiore protezione dalla corrosione, dall’azione di lubrificanti, combustibili e solventi, resistenza termica
Caratteristiche funzionali Duttilità, proprietà di scorrimento, saldabilità, ottima base per l’adesione di rivestimenti organici successivi Duttilità, proprietà di scorrimento, ottima base per l’adesione di rivestimenti organici successivi Duttilità, proprietà di scorrimento, ottima base per l’adesione di rivestimenti organici successivi
Caratteristiche decorative Ottimo aspetto ottico, da opaco a lucido, colorabile tramite passivazione Ottimo aspetto ottico, da opaco a lucido, colorabile in nero Rivestimento tecnico, colorabile in nero
04

Dettagli

Componenti tipici e applicazioni

Componenti tipici

Componenti di: motori, motori a combustione interna (ZnNi), telaio, freni, sterzo, tubazioni, raccordi, ferramenta, viti, dadi, bulloni, guarnizioni, attacchi di tubi, elementi di fissaggio

Settori industriali di applicazione
Industria automobilistica, autoveicoli industriali, idraulica, meccanica, elementi di raccordo, industria edilizia, settore dei mobili

 

Gamma di superfici in zinco

 

Zinco

I rivestimenti galvanici in zinco sono impiegati per il trattamento anticorrosione tramite processo catodico di acciaio e componenti zincati a pressione. Il rivestimento in zinco assorbe l’effetto della corrosione proteggendo così il componente di base. Per rallentare ulteriormente l’azione corrosiva sulle superfici in zinco è possibile effettuare trattamenti aggiuntivi mirati.

La formazione galvanica dello zinco avviene in una soluzione elettrolitica acida o alcalina. In genere lo spessore dello strato è tra gli 8 e i 15 µm. Tramite l’aggiunta di sostanze organiche è possibile configurare il grado di lucidità della superficie, da opaco a lucido. I rivestimenti in zinco sono talmente duttili che in genere è possibile modellarli insieme al materiale di base; tale caratteristica è meno evidente in caso di elevati gradi di lucidità.

Dopo la zincatura di norma viene applicata una passivazione per incrementare la protezione dalla corrosione delle superfici zincate. Le passivazioni si distinguono in cromatazioni e sistemi di passivazioni esenti da cromo esavalente.

Zinco-Ferro

Lo zinco-ferro è una lega di zinco con una percentuale di ferro dallo 0,3% all’1%, caratterizzata da un’elevata resistenza agli agenti esterni. Rispetto alla classica zincatura galvanica, la lega in zinco-ferro presenta valori migliori in termini di resistenza alla corrosione, e grazie all’aggiunta di apposite passivazioni consente la creazione di strati nero scuri. Per questo, rispetto a rivestimenti per cataforesi o a polvere, lo zinco-ferro rappresenta l’alternativa migliore dal punto di vista tecnico per il trattamento di superfici nere, poiché esercita anche una protezione catodica. In presenza di un’azione corrosiva, sulla superficie si crea una pellicola grigiastra di ossido molto aderente e indissolubile.

In genere gli strati in zinco-ferro hanno uno spessore tra gli 8 e i 10 µm. Se sottoposti a test in nebbia salina, i rivestimenti di questo tipo raggiungono senza problemi le 480 ore prima della comparsa di ruggine rossa.

In base alle esigenze decorative, le superfici in zinco-ferro possono essere di colore argento metallico o nero passivato. È possibile eseguire un trattamento finale con lubrificanti o sigillanti. L’adesione di vernici alle superfici in zinco-ferro è eccellente.

Per evitare l’infrangimento da idrogeno in fase di rivestimento, è possibile eseguire un trattamento termico finale, il che rende questa tecnica adatta anche ad acciai ad alta resistenza.

Zinco-Nichel

Lo zinco-nichel è una lega di zinco con una percentuale di nichel tra il 12% e il 15%. La lega di zinco-nichel unisce in modo ideale le proprietà anticorrosive dello zinco e del nichel e offre un’elevata resistenza agli agenti esterni e a sostanze leggermente acide. I rivestimenti in zinco-nichel hanno in genere uno spessore compreso tra i 5 e i 10 µm, e sottoposti a test in nebbia salina raggiungono senza problemi le 720 ore prima della comparsa di ruggine rossa, soddisfacendo così tutti gli standard correnti nell’industria automobilistica. Nel test di corrosione, la velocità di dissoluzione è di circa 1/10 rispetto ai rivestimenti in zinco puro, perciò in base agli spessori è possibile raggiungere livelli di resistenza alla corrosione molto più elevati (>720 ore). Gli strati di zinco-nichel sono resistenti alla corrosione fino a una temperatura di 180 °C, perciò sono ideali per componenti dei motori a combustione interna, per cui non è possibile utilizzare rivestimenti in zinco puro. Nei casi in cui è prevista una deformazione successiva del substrato in acciaio (p. es. tubazioni diritte che vengono piegate dopo il trattamento) è possibile applicare la variante particolarmente duttile denominata Ductalloy®: in tal caso, anche le parti deformate dimostrano una resistenza alla corrosione pari a 720 ore prima della formazione di ruggine rossa.

Lo zinco-nichel può essere deidrogenato tramite un trattamento termico. Un vantaggio dello zinco-nichel è dato proprio dal fatto che tale trattamento può essere realizzato in procedimento diretto, poiché non ha effetti negativi sulla passivazione. Il trattamento zinco-nichel è impiegato soprattutto per componenti dell’industria automobilistica, in particolare nelle aree del motore e del telaio, sottoposte ad un elevato rischio di corrosione. Lo si applica inoltre nei settori degli autoveicoli industriali, meccanico e idraulico.

05

impressioni

Collini Zink Nickel
Collini Zink Nickel
Collini Zink Nickel
Collini Zink Galvanisch
Collini Zink Galvanisch
Collini Zink Galvanisch
Collini Zink Galvanisch
Collini Zink Eisen
Collini Zink Eisen
Collini Zink Eisen
06

Contatti

Scrivici








Klaus Waldhardt

Responsabile vendite

+52 (0) 227 271 5028 Scrivi una e-mail kwaldhardt@collini.eu
contatti